TEMPO DI LETTURA: 4 minuti

Il ristorante contro lo spreco alimentare: conosciamo Freke van Nimwegen

da | Mar 4, 2019 | Food Heroes

Oggi facciamo un viaggio in Olanda e ci sediamo a tavola nel ristorante Instock con Freke Van Nimwegen, la co-founder di questo progetto contro lo spreco alimentare.

La nostra food hero si è formata presso Ahold, una società di grande distribuzione olandese, dove ha lavorato come International Manager Trainee per qualche anno.

Mentre lavorava all’interno del supermercato, Freke ha deciso di fare qualcosa in merito al problema delle eccedenze alimentari, avendo avuto la possibilità di toccare con mano lo spreco alimentare generato nei punti vendita e decidendo così di avviare assieme ad altri colleghi la sua idea innovativa nel campo della sostenibilità.

Freke van Nimwegen ha affermato: “Ho imparato tanto sul modo di lavorare durante la mia esperienza presso Ahold; le grandi imprese dovrebbero avere un mindset orientato verso l’incremento degli impatti positivi e non verso la diminuzione di quelli negativi.

I ristoranti Instock sono ad Amsterdam, Utrecht e Aia e realizzano i loro menu con alimenti che i ristoranti convenzionali non accettano. Perché? Solo perché sono alimenti avanzati e “imperfetti”, ma comunque utilizzabili e gli chef creativi di Instock lo sanno bene e lo dimostrano con i loro menu, giorno dopo giorno.
Giornalmente i ristoranti Instock raccolgono i prodotti, gli scarti del pesce locale, surplus di birra, la merce danneggiata dai supermercati e dal centro di recupero dell’insegna GDO olandese Albert Heijn (brand sponsor dell’impresa).
La sfida per gli chef è proprio questa: non partire da un menu definito, ma adattare le loro idee agli ingredienti disponibili.

Cosa c’è di buono in questi ristoranti? Il menu, sempre diverso, realizzato grazie alla creatività e alla capacità d’improvvisazione in ottica circolare di chi ci lavora, perché dare una seconda chance agli alimenti è il fil-rouge dell’intero progetto.

La storia di Instock: il ristorante contro lo spreco alimentare

Instock contro lo spreco alimentare
Instock è stato lanciato nel 2014: il primo ristorante pop-up è stato aperto ad Amsterdam nel 2015 e negli anni successivi a Utrecht e Den Haag. In questi anni la nostra food hero insieme al suo team ha anche perfezionato la produzione di birra dalle patate di scarto e muesli, prodotti disponibili anche sull’e-commerce e nei tre ristoranti.

Cosa ha fatto fino ad ora Instock? Ha riciclato circa 300 mila kg di cibo in soli tre anni. Il team ha iniziato una collaborazione con una catena di ristoranti in Olanda, ha organizzato un webshop circolare e predisposto un centro che raccoglie e rivende a basso costo prodotti alimentari invenduti, soprattutto frutta e verdura, la categoria merceologica più soggetta agli sprechi alimentari.

L’obiettivo di Instock non è solo quello di trasformare lo spreco di cibo in risorsa, ma di divulgare la filosofia zero waste. “Come consumatori siamo responsabili del 42% di tutto il cibo sprecato. Buttiamo nella spazzatura circa 41 kg di cibo a persona all’anno”  ha affermato Ruby van den Broek, membro dello staff.
Per creare una community, Instock ha lanciato il mese del ‘non scarto’ con ricette e consigli condivisi sui loro canali social.

Gli uffici di Amsterdam hanno affermato: “Ci adoperiamo per diffondere il più possibile l’ottica del no-waste” grazie anche a presentazioni, corsi di cucina e progetti educativi.

In Europa le iniziative per ridurre lo spreco alimentare sono tante: in Italia c’è la nostra app MyFoody, disponibile gratuitamente per iOS e Android, grazie alla quale è possibile risparmiare sulla spesa contribuendo alla lotta contro lo spreco alimentare.  

Crediti e note

Freke van Nimwegen | Photography by Simone Schoutens

 

Scarica MyFoody, l'app contro lo spreco alimentare!

Scaricala e scopri le offerte antispreco presenti nei punti vendita vicino a te! Risparmia ed evita lo spreco alimentare insieme a noi!

Scarica la prima mini guida anti-spreco di MyFoody!

 

Stiamo per svelarti i segreti della conservazione delle provviste!

Grazie!

Share This